Nuove simulazioni mostrano la magnetosfera a "spaghetti"

Il Giornale Online
di Paul Scott Anderson

Una nuova simulazione al computer mostra la magnetosfera terrestre in grande dettaglio e sembra un enorme intreccio di spaghetti o forse una versione cosmica d'arte moderna. La magnetosfera è formata dal campo magnetico solare che interagisce con il campo magnetico terrestre. Quando particelle cariche dalle tempeste solari, conosciute anche come emissioni di massa coronale (CME), impattano sul nostro campo magnetico, il risultato può essere spettacolare, da correnti elettriche molto potenti nell'atmosfera, a bellissime aurore a grande altitudine. I fisici spaziali stanno usando le nuove simulazioni per comprendere meglio la natura della nostra magnetosfera e cosa avviene quando si aggroviglia. Usando un supercomputer Cray XT5, i fisici possono prevedere meglio gli effetti del clima spaziale, come le tempeste solari, prima che colpiscano il pianeta. Secondo Homa Karimbadi, un fisico spaziale all'Università della California-San Diego (USCD), “Quando una tempesta parte dal sole, non possiamo veramente prevedere l'estensione dei danni che causerà sulla Terra. E' critico sviluppare questa capacità di previsione”.

Aggiunge: “Con il calcolo computerizzato possiamo ora eseguire simulazioni (3d global particle) della magnetosfera che trattano gli ioni come particelle, ma gli elettroni come un fluido. Ora è possibile affrontare questi problemi ad una risoluzione che fino a poco tempo fa era impossibile”.
La radiazione delle tempeste solari possono impiegare 1-5 giorni a raggiungere la Terra e questo ci da il tempo per valutare l'impatto e il danno potenziale.
I precedenti studi sono stati fatti usando il sistema Cray XT5 conosciuto come Kraken, col nuovo supercomputer Cray XT5 possono eseguire simulazioni superiori di tre volte. Le prime simulazioni contenevano una “risoluzione” di circa 1 miliardo di particelle individuali, mentre le nuove ne contengono circa 3.2 trilioni, un grande miglioramento.
Quindi la prossima volta che mangiate gli spaghetti, guardate su, anche l'universo ha le sue ricette.

Fonte: http://www.universetoday.com/93481/new-computer-simulations-show-earths-spaghetti-like-magnetosphere/ http://www.ornl.gov/info/features/get_feature.cfm?FeatureNumber=f20120206-00

About the Author
Richard

La mia natura mi spinge a rispondere, fin dall'infanzia, a tante domande che la vita ci mette sotto gli occhi, una "complicazione" che ritengo missione fondamentale ed essenziale per realizzarci come singoli e come umanità su questo granello di polvere nell'Universo. Amo praticare lo sport e giocare ai videogames, magari con birra e patatine.