Le foreste rendono l'atmosfera elettrica. Ma come?

Il Giornale Online
di Ivan Gaddari

Gli studiosi hanno a lungo sospettato un'associazione tra gli alberi e l'elettricità atmosferica, ma i ricercatori della Queensland University of Technology (QUT) ritengono di aver finalmente scoperto il collegamento. Il Dr Rohan Jayaratne e il dottor Ling Xuan del Laboratorio Internazionale QUT per la qualità dell'aria e la salute (ILAQH), guidato dal professor Lidia Morawska, ha eseguito esperimenti in sei località ricche di foreste nei dintorni di Brisbane, tra cui il Brisbane Forest Park, Daisy Hill e Mt Coot-tha. Le analisi condotte hanno permesso di scoprire che le concentrazioni di ioni positivi e negativi erano due volte più alte nelle aree boscate piuttosto che in spazi verdi aperti, come ad esempio i parchi. Il Dr Jayaratne, che è anche membro dell'Istituto QUT della Sanità e dell'Innovazione Biomedica (IHBI), ha dichiarato che gli ioni naturali presenti nell'aria sono stati creati essenzialmente da due processi: dalla radiazione derivante dal radon e dalla radiazione cosmica dello spazio. Il radon è un sottoprodotto del decadimento radioattivo del radio, presente in piccole quantità nelle rocce e continuamente espirata dal terreno. “Il radon è solubile in acqua, pertanto l'acqua di falda è particolarmente ricca di questo elemento”, secondo il Professore. “Gli alberi agiscono come pompe radon, portando il gas in superficie e rilasciandolo nell'atmosfera attraverso la traspirazione . Un processo attraverso il quale l'acqua assorbita dalle radici viene diffusa nell'atmosfera attraverso le foglie.

Un meccanismo più pronunciato negli alberi con sistemi radicali profondi, come eucalipti ad esempio”. Gli scienziati del QUT hanno stimato che in una foresta di eucalipti gli alberi possono contribuire ad emettere fino al 37 per cento del radon presente in atmosfera. Ciò accade quando si hanno i più alti tassi di traspirazione. Il Dr Jayaratne ha dichiarato inoltre che si stanno realizzando ulteriori studi per comprendere al meglio il ruolo degli ioni. I risultati, pubblicati sulla rivista Environmental Science and Technology, hanno implicazioni potenzialmente importanti per l'atmosfera, il clima e la salute umana.

“Anche se c'è un collegamento tra le particelle presenti nell'aria e la salute umana, il ruolo degli ioni è in gran parte sconosciuto,” prosegue il Professore. “Tuttavia, sappiamo che circa la metà delle particelle che inaliamo durante la normale respirazione vengono conservate nel nostro sistema respiratorio ed è stato dimostrato che le particelle cariche hanno più probabilità di essere depositate nei polmoni rispetto alle particelle neutre. Crediamo che gli ioni di per sé non siano pericolosi, ma il pericolo si accresce in presenza di sostanze inquinanti che possono legarsi alle particelle cariche determinando in tal modo pericoli per la nostra salute”.

Fonte: http://www.meteogiornale.it/notizia/22858-1-le-foreste-rendono-l-atmosfera-elettrica-ecco-come
Vedi: http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.5802

About the Author
Richard

La mia natura mi spinge a rispondere, fin dall'infanzia, a tante domande che la vita ci mette sotto gli occhi, una "complicazione" che ritengo missione fondamentale ed essenziale per realizzarci come singoli e come umanità su questo granello di polvere nell'Universo. Amo praticare lo sport e giocare ai videogames, magari con birra e patatine.