Iniziativa Star Dreams (SDI): Diplomazia di interesse pubblico con le culture esterne al pianeta – Pt.3

[youtube=425,344]QsquicnyKR4

Il Giornale Online
Dedicato al futuro dei bambini del mondo e dei loro figli.

Joseph McMoneagle è un ex remote viewer dell'esercito ed è stato intervistato da Jerry Snider del Magical Blend Magazine dove ha parlato di Marte.
Snider: In Mind-Trek parli di una esperienza impressionante su un esperimento di visione remota che coinvolge la NASA e foto di

Marte. Puoi parlarcene?

McMoneagle: Questo esperimento è stato fatto al Monroe Institute in Virginia. Mi hanno chiesto di andare presto al mattino, cosa che ho fatto e mi hanno chiuso nella stanza senza finestre per la visione remota, per assicurarsi che non vedessi chi stesse tenendo gli obiettivi. Sapevano che era un uomo della NASA, ma io no. Così sono andato e ho preso due ore nella stanza per la remote view. La persona della NASA è arrivata, portando un foglio di carta con sette set di coordinate. Tutti al laboratorio abbiamo supposto che fossero coordinate terrestri. Quando abbiamo iniziato la sessione, mi hanno letto le coordinate e la mia prima percezione è stata una piramide.

Ho iniziato a descrivere questa piramide, che io ho ipotizzato che si trovasse in Egitto, ma non aveva senso per me, perchè stavo descrivendo corridoi e stanze che sapevo non esistere nelle piramidi Egizie. Così ho descritto tutti i dettagli dei sette obiettivi. I primi sei li ho descritti bene, ma ho mancato il settimo perchè ero stanco. Tutti erano sorpresi da quello che accadeva, perchè sembrava che stessimo osservando dei siti archeologici. Quando sono uscito dalla stanza, mi hanno chiesto cosa pensassi della civiltà che aveva costruito questi particolari monumenti.

Ho detto loro che quelle persone erano più robuste degli umani e che la loro cultura era molto mlto antica. Questo quando mi è stato detto cosa fossero gli obiettivi. Questo uomo della NASA è rimasto sconvolto, perchè ho dato i dettagli precisi dei primi sei dei sette obiettivi. Solo lui sapeva quale fosse la loro locazione. Circa cinque mesi dopo abbiamo ricevuto una sua chimamata e ci ha detto che la seguente missione su Marte sarebbe stata fatta verso i siti in quelle coordinate. Questo è l'ultima volta che ne ho sentito parlare, oltre a questo nella seguente missione Marziana, l'astronave è stata in qualche modo persa. E' stato inviato il codice sbagliato o qualcosa si è spento. Non ha più funzionato.

Snider: In Mind-Trek scrivi di aver sentito reazioni emotive delle entità che vivono la.
McMoneagle: Corretto, ho sentito che le persone che hanno costruito quei monumenti appartengono a una razza antica e che i monumenti non erano costruito come posto da chiamare casa, ma come punto di fermata per qualcosa. Ho sentito che la grande maggioranza di loro è rimasta, ma che una piccola fazione si è spostata alla ricerca di un nuovo posto per vivere. Infatti, molti di questi monumenti sembravano camere di ibernazione, progettate per sopravvivere ad un cattivo clima. Ho anche sentito che alcune informazioni verso la fine fossero quasi come se una capsula temporale psichica sia stata lasciata. E' stata formattata per venire trovata con mezzi psichici, sensazione molto strana per me, perchè normalmente non ho queste sensazioni.

K: Progetto Esopolitico – Implicazioni

Nota di un consulente della SDI: “Una delle mie prime azioni intuitive è stata quella di cercare di imparare il più possibile sui Marziani. Sulla loro psicologia, spiritualità e l'azione che hanno preso in relazione al comportamento umano nello spazio esterno. Ho scoperto alcune informazioni affascinanti nel libro di Jim Mark, PSI Spies (libro sulla storia dell'uso della remote view nell'ambito CIA/esercito), sul pianeta Marte e le informazioni combacianti fra i remote viewers. Tutti i dati suggeriscono che i Marziani sono simili agli umani ma senza intenzioni negative contro la società umana o contro gli individui umani. La diplomazia Marziana non è dissimile a quella in Francia, eccetto che questo sforzo diplomatico sembra essere stato stimolato dalla Federazione Galattica (agenzia governativa Esterna al Pianeta). Questa motivazione è il riferimento spirituale dell'Amore/Dio/Fonte che entrambe le nostre culture possono scegliere come punto su cui allinearsi”.

“Quindi, credo che una parte importante della SDI sia di raccomandare alla comunità internazionale, come le Nazioni Unite, di unire un affidabile gruppo altamente qualificato di remote viewers spiritualmente e scientificamente evoluti, che possano entrare in contatto con la Federazione Galattica. Questo stabilirebbe dei rapporti settimanali con questa Guida spirituale che può essere suggerita ai poteri decisionali, in merito alla nostra interazione con i Marziani alle nostre politiche verso di loro. Questo può divenire un progetto co-creato tra il governo spirituale e l'umanità, come è già stata da quando molti di noi hanno ricevuto abbondante guida. Questa guida può divenire più metodologica, ma mai assoluta perchè avremo il nostro libero arbitrio sempre. Questa connessione con la gerarchia spirituale permetterebbe semplicemente la considerazione di dati aggiuntivi, assieme ad altri dati, per impostare delle politiche.in merito alla SDI.”

L: La Cultura Marziana Esterna al Pianeta: dettagli dello studio
Il Progetto Esopolitico propone uno studio iniziale costruito attorno ad uno sistematico studio dei dati prodotti dalla visione remota nella metà degli anni '90, dalla ricerca umana, che suggerisce che tale possibile Cultura Esterna al Pianeta esiste nel nostro Sistema Solare sul pianeta Marte ed è desiderosa di cooperare e di avere una relazione pacifica con la società umana.

La Visione Remota è una modalità basata su protocolli scientifici che può servire da ponte per iniziare un benefico contatto con le Culture Esterne al Pianeta e portare ad una integrazione esopolitica per beneficio comune, incluso il divenire parte di una Agenda di Esplorazione Spaziale di Marte e del Sistema Solare da agenzie di esplorazione spaziale umane. Il 14 Gennaio 2004, il Presidente USA George W.Bush ha annunciato la sua nuova visione spaziale dicendo: “il desiderio di esplorare e comprendere è parte del nostro carattere”. Il Presidente Bush ha mercoledì ha rivelato un piano ambizioso di ritorno degli Americani sulla luna per il 2020 per usare questa missione come prima pietra per un futuro viaggio su Marte e oltre dopo il 2030. Ha detto: “Non sappiamo dove questa avventura porterà, sappiamo che gli esseri umani sono diretti nel cosmo.”

Bush ha detto: “L'umanità è diretta nei cieli per la stessa ragione in cui una volta eravamo diretti verso terre sconosciute e i mari aperti. Scegliamo di esplorare lo spazio perchè in questo modo miglioriamo le nostre vite e solleviamo lo spirito nazionale.” CNN, 15 gennaio 2004.

Sopravvivenza Ecologica Umana e Marziana

Il contatto intenzionale e l'inter-relazione con una Cultura Esterna al Pianeta basata su Marte può impattare positivamente sulla nostra trasformazione dell'industria di guerra permanente sulla Terra, in una società dell'Era Spaziale cooperativa, sostenibile e pacifica. Il contatto con una possibile civiltà Marziana può aiutare la nostra società terrestre in una società Universale. Dato il cataclisma ecologico sofferto da Marte in passato, la società Marziana è concentrata sulla sopravvivenza ambientale. Marte è astronomicamente vicino al pianeta Terra. Se i dati preliminari della visione remota sono corretti, la civiltà Marziana può trovarsi di 150 anni più avanzata della Terra da una prospettiva scientifica e può avere tecnologie chiave per il viaggio spaziale e la produzione di energia pulita.

La civiltà Marziana apparentemente in prossimità della civiltà sulla Terra, in distanza e tempo (150 anni in avanti) dovrebbe portare grandi benefici. La civiltà Terrestre può fornire alla civiltà Marziana un ambiente naturale ospitale in cui immigrare, questi sono i nostri bisogni interdipendenti al momento. I Marziani sopravvissuti al cataclisma ci possono insegnare come gestire delle possibili emergenze ambientali ed ecologiche sulla Terra. Uno studio recente suggerisce che un brusco cambiamento climatico e uno stato sociale di emergenza può partire sulla Terra subito dopo il 2010.

Contesto Diplomatico Esopolitico

Il Progetto Esopolitico svilupperà dei protocolli diplomatici di interesse pubblico, impostando parametri del progetto e proposte appropriate per raggiungere un Contatto e una Diplomazia di Interesse Pubblico, inclusi trattati interplanetari che stabiliscono relazioni formali e funzioni essenziali di governo come bandire le armi spaziali, fissare i diritti di esplorazione planetaria, la sicurezza, il trasferimento di tecnologia, l'immigrazione e la pubblicazione e la comunicazione di tutto questo alle autorità umane, così come alle autorità delle Culture Esterne al Pianeta.

Le autorità umane includeranno il Segretario Generale delle Nazioni Unite, l'Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari dello Spazio Esterno, il Concilio di Sicurezza delle Nazioni Unite, L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, le Nazioni Membro del Comitato delle Nazioni Unite sull'Uso Pacifico dello Spazio Esterno e Organizzazioni Non Governative interessate, istituzioni educative e media educativi. La comunicazione di questi protocollo del Progetto Esopolitico sarà fatta tramite Remote View (dove fattibile con radiotelescopi): 1) alle autorità del governo Marziano, come identificato nelle sessioni di remote view; 2) alle autorità della Federazione Galattica come identificato con la remote-view, un corpo interplanetario; 3) ad altri attoriOPC interessati come i Grigi.

Fase 1:

Il Progetto Esopolitico valuterà la fattibilità dell'Ipotesi in merito alla OPC di Marte come caso iniziale di studio per un Contatto intenzionale con una Cultura Esterna al Pianeta. Questa valutazione userà una varietà di modalità, incluso 1-il contesto storico di Marte tramite l'eso-archeologia come aggiornata tramite il Mars Rovers e i dati di altre sonde; 2-le evidenze date da contattati dalla Cultura di Marte e altre; 3-le evidenze in merito a Marte tramite la Remote View; 4-l'analisi del contesto e del contenuto del Fenomeno relativo alle OPC, come i Crop Circles;5-la consultazione con esperti e consulenti del Progetto Esopolitico. I Rapporti Periodici di Fattibilità saranno pubblicati come risultati della Fase 1 del Progetto Esopolitico per la diffusione alle autorità umane e delle OPC.

Fase 2:

Un piano consensuale e negoziato per una mutua, trasparente e aperta interazione e relazioni diplomatiche e pubbliche tra i corpi scientifici, etico-religiosi e governativi riconosciuti delle culture Terrestri, di quella Marziana ed eventualmente altre OPC, che rientrino nella SDI. Questo piano generale includerebbe Trattati Inter-Specie appropriati sotto principi della Legge Universale e Internazionale. Una Diplomazia di Pubblico Interesse, dove appropriata, può includere rappresentanti e osservatori delle Autorità di Governo Interplanetario della Galassia. Se è valido, il Progetto Esopolitico produrrà strategie per iniziare un contatto e una integrazione con la società Marziana, inclusa la loro possibile immigrazione sulla Terra sotto il primo trattatp interplanetario del

Sistema Solare e/o schema della SDI.

Star Dreams Initiative – Direttori e Consulenti

Direttore della SDI – Alfred Lambremont Webre, JD, MEd
Il libro di Alfred Lambremont Webre “Esopolitica: Politica, Governo e Legge nell'Universo (Universebook 2005) versione eBook, definisce il campo formale dell'Esopolitica. (“L'Esopolitica è la disciplina della comprensione della società Universale tramite la sua politica e il suo governo. Può cambiare la nostra visione dominante dell'Universo e ribaltarla. L'Esopolitica definisce che la vera concezione della nostra circostanza terrestre può indicare che siamo uno pianeta isolato nel mezzo di una società Universale multi-dimensionale, inter-galattica, inter-planetaria altamente organizzata, in evoluzione e molto popolata. Il “modello” esopolitico può essere d'aiuto nell'approccio a molti problemi che si affacciano nel futuro umano”.)

Webre è un pioniere nel campo dell'Esopolitica. Come Analista Politico Senior nel 1977 al Centro per lo Studio della Politica Sociale dello Stanford Research Institute (ora “SRI International”, Menlo Park, California), Alfred Webre è stato Principale Investigatore per una proposta civile di Studio della comunicazione extraterrestre, ad esempio la comunicazione interattiva tra la cultura terrestre umana e quella di una possibile civiltà intelligente non terrestre. Questa proposta di Studio è stata presentata e sviluppata con lo staff della Casa Bianca della Politica Domestica del Presidente Jimmy Carter durante il periodo dal maggio 1977 fino ala fine del 1977, quando è stata brutalmente terminata.

Webre è Direttore Internazionale dell'Istituto per la Cooperazione nello Spazio (ICIS); fondatore della Campagna contro l'Armamento dello Spazio (NOWIS), una coalizione Canadese per prevenire la militarizzazione dello spazio; inoltre coordina la Campagna per la Cooperazione nello Spazio. Con altri, è co-architetto dell'Atto per la Preservazione dello Spazio e del Trattato per la Preservazione dello Spazio per bandire le armi spaziali.

Webre è membro del District of Columbia Bar. E' un ex Fulbright Scholar e laureato alla Yale University, la Scuola di Legge di Yale (Yale Law School National Scholar) e membro del University of Texas Consueling Program. Webre è stato Consigliere Generale dell'Amministrazione per la Protezione Ambientale di New York City e consulente ambientale per la Ford Foundation, futurista allo Stanford Research Institute e autore. Ha insegnato Economia alla Yale University (Dipartimento di Economia) e Libertà Civile alla Università del Texas (Dipartimento Governativo).

Webre è stato delegato alla Conferenza sullo Spazio Esterno UNISPACE e rappresentante NGO alle Nazioni Unite (Comitato di
Coordinamento delle Comunicazioni per le Nazioni Unite; Seconda Sessione Speciale sul Disarmamento alle Nazioni Unite); Delegato eletto dello staff Clinton-Gore alla Convention Democratica del Texas nel 1996 e Membro della Taskforce di Emergenza Governativa sulla Preparazione per i Terremoti, nello Stato della California (1980-82), nominato dal Gov. Jerry Brown. Mr.Webre ha prodotto e guidato l'Instant of Cooperation, la prima trasmissione radio dal vivo tra USA e l'Unione Sovietica del tempo, tramessa dal vivo da Gosteleradio e NPR satellite nel 1987. Webre è conduttore radiofonico su Vancouver Coop Radio CFRO 102.7FM.

Direttore del Progetto SDI – Dr.Carol Rosin

Carol Rosin, Presidente – La Dr.Rosin è educatrice, autrice, dirigente in ambito aerospaziale e consulente per la difesa missilistica. Rosin è fondatrice ed ex direttrice dell'Istituto per la Sicurezza e la Cooperazione nello Spazio Esterno (ISCOS), una Organizzazione Non Governativa in stato di consultazione con il Consiglio Sociale ed Economico delle Nazioni Unite (UN-ECOSOC). La Dr.Rosin è stata consulente per corporazioni e organizzazioni, inclusa la TRW, la Disney, la GE, l'IBM e l'Istituto Spaziale Nazionale sullo spazio e la difesa.

Rosin è stata la prima donna manager per una compagnia aerospaziale (Fairchild Industries), nominata dal Dr.Wernher von Braun (il “Padre della Missilistica”. La Dr.Rosin ha testimoniato davanti alla Casa e al Senato sulla fattibilità del bandire le armi spaziali. Rosin è beneficiaria del United Societies in Space Humanitarian Award per 30 anni di dedizione, vincitrice della Medaglia d'Oro per gli Insegnanti Scientifici, vincitrice del premio per gli Scrittori dell'Aviazione e vincitrice del American Society of Engineering Educators Award per aver organizzato il programma di motivazione “It's Your Turn” per la gioventù, le donne e le minoranze.

“Nonostante i pericoli, i costi e i difetti del sistema di armamento spaziale, questo non ha bloccato la loro ricerca e il loro sviluppo o test contro la lista di nemici sempre in cambiamento, che venga chiamato SDI, NMD, BMD o Star Wars. Sotto la scusa della “sicurezza nazionale” o di una “MERA ricerca e prova”, il programma R&D volto all'armamento spaziale è divenuto il più grande programma R&D e non proteggerà nessuno o nulla, è pericoloso, destabilizzante, troppo costoso e non necessario.
La cooperazione nello spazio stimolerà l'economia, creerà nuovo lavoro e programmi d'addestramento e istituirà un sistema di sicurezza globale e nazionale, basato sull'unione del mondo per ottenere benefici illimitati e opportunità che tutti riceveranno dalla nostra evoluzione nello spazio, assieme. Possiamo costruire stazioni di battaglia spaziale e armamenti puntati verso la terra e verso lo spazio.

Oppure possiamo scegliere di costruire abitazioni spaziali, ospedali, scuole, fattorie, laboratori, industrie, alberghi, ascensori e astronavi che libereranno l'uomo perchè esplorino il nostro sacro spazio e l'universo. E' tempo di bandire le armi spaziali prima che vengano posizionate e di raggiungere la pace.”

SDI Project Director – Dennis Briefer
Membro, Board of Directors
John E.Mack Institute
Star Dream Initiative (SDI) Contact Information:
STAR DREAMS INITIATIVE (SDI)
www.peaceinspace.net
Institute for Cooperation in Space (ICIS) North America
3339 West 41 Avenue
Vancouver, BC V6N 3E5
CANADA
Tel: 604-733-8134
Fax: 604-733-8135
ICIS: http://www.peaceinspace.com
CAMPAIGN: http://www/peaceinspace.org
Exopolitics.com: http://www.exopolitics.com
Email: alw@peaceinspace.com
Alfred Lambremont Webre, JD, MEd
International Director
Institute for Cooperation in Space (ICIS) – South America
Dr. Carol Rosin President, Institute for Cooperation in Space PO Box 288 Loja, Ecuador rosin@west.net www.peaceinspace.com www.madretierra1.com Tel: 011 593 7 2 580687
DONATIONS: Institute for Cooperation in Space (ICIS) is a 501 c(3) tax-exempt non-profit educational foundation, and contributions are tax-deductible.

Fonte: http://www.peaceinspace.net/

Tradotto da Richard per Altrogiornale.org

About the Author
Richard

La mia natura mi spinge a rispondere, fin dall'infanzia, a tante domande che la vita ci mette sotto gli occhi, una "complicazione" che ritengo missione fondamentale ed essenziale per realizzarci come singoli e come umanità su questo granello di polvere nell'Universo. Amo praticare lo sport e giocare ai videogames, magari con birra e patatine.