GRAVITAZIONE UNIVERSALE

di [link=http://digilander.libero.it/kems]Guglielmo[/link]

Prima di descrivere alcuni metodi per interagire con le portanti è opportuno dare una dimensione comprensibile del concetto di Gravità.

[u]La Gravità non è una forza che scaturisce da una massa ma è una spinta che riceve una massa.[/u]

Questo concetto sarò qui descritto solo per quella parte che sarà necessaria per comprendere il fenomeno “portanti”, mentre si rimanda ad un'altra e prossima relazione la sua descrizione completa.

La Gravità come molte altre cose è molto più semplice di quanto si possa immaginare.

Per iniziare è opportuno definire che la parola “Gravità” è di per se un non senso. Non esiste una “Forza di Gravità”, ma esiste una forza che è usata dall'Universo per compensare gli squilibri che avvengono nel suo sistema. La forza usata dall'Universo è unica ed è sempre la stessa ed è un errore ad esempio considerare che il magnetismo e la Gravità siano forze diverse. L'interpretazione erronea avviene, perchè la forza dell'Universo cambia il suo effetto in funzione della materia o del modo con il quale si crea uno squilibrio. Ad esempio se si genera un'onda di frequenza elevata, l'Universo risponderà con un'onda della stessa frequenza mentre se si sposta un oggetto qualsiasi la frequenza sarà quella implicita dell'oggetto e del suo movimento.

L'Universo nel suo insieme può essere considerato come un enorme bacino riempito d'acqua, esso ha tre dimensioni che sono ben definite ed è soggetto alle stesse pressioni che conosciamo dall'idrostatica. Ad esempio, la sua parte inferiore ha pressione maggiore di quella superiore per il fatto che valgono le regole di una colonna di un fluido qualsiasi che è sottoposto alla Gravità. Se ad esempio s'invia un raggio Laser su dei bersagli che sono posti con angolazioni diverse e sufficientemente distanti e si misura la risposta, si scoprirà facilmente che essa dipende dal suo angolo. Se poi si ripete lo stesso esperimento con il Laser posto in diversi punti dello spazio, si scoprirà anche che la risposta sarà sempre la stessa e sarà sempre in funzione dell'angolo. Ovviamente invece di un Laser per fare il test è possibile utilizzare qualsiasi onda compreso le onde radio. In altre parole nell'Universo l'alto è “alto” e il basso è “basso” e queste dimensioni sono ben definite e stabili e tutta la materia nella sua costituzione, disposizione e ordine interno fa riferimento a queste coordinate.

Un grande ricercatore sperimentale Italiano, Fabio Mosca, nei suoi studi per la dimostrazione dell'esistenza dell'etere, ha scoperto appunto che la risposta di un segnale radio cambia in funzione della direzione.





Per comprendere come agisce la forza della Gravità utilizzeremo ancora il modello del bacino con l'acqua immaginando di aver immerso una sfera di peso tale che possa galleggiare a metà altezza. La sfera sarà quindi sottoposta per tutta la sua superficie alla forza della pressione del liquido. Finché la sfera resterà immobile queste forze saranno bilanciate e non succederà nulla, allo stesso modo un corpo che è realmente fermo rispetto all'Universo non avrebbe alcuna forza di Gravità. Se invece la palla si muove in qualsiasi direzione all'interno della vasca, s'innesca un flusso d'acqua che ha lo scopo di riempire quel volume che prima era occupato dalla sfera. Il flusso, ovvero il movimento, sono la causa del manifestarsi di questa forza che impropriamente si chiama con il nome di Gravità. L'intensità dei flussi che si generano all'interno della vasca Universo non sono proporzionali al volume come nel caso dell'acqua, ma sono proporzionali alla massa del corpo che è in movimento.
Il fisico [link=http://www.brera.unimi.it/sisfa/atti/2002/036-TINAZZI%20DEFINITIVO.pdf]Marco Todeschini[/link] ha dimostrato che è possibile che due corpi si attraggano o respingano anche all'interno di un fluido, ma il reale comportamento dell'Universo non è comparabile all'acqua anche se è stata usata questa similitudine per offrire un'idea figurata.

Prima di procedere e per onor di cronaca si vuole qui rammentare che Newton per primo mise in dubbio la sua stessa teoria affermando nelle sue “questiones” quanto segue:

“…..the gravity is caused by the descent of rays which strike all bodies and pushes them down. “Whither ye rays of gravity may be stopped by reflecting or refracting …”

“…..la Gravità è causata dalla discesa dei raggi che colpiscono tutti i corpi spingendoli verso il basso, questi raggi possono essere fermati dalla riflessione o dalla rifrazione. …”

Dunque consideriamo da ora per facilitare la comprensione della fenomenologia gravitazionale che l'Universo invii le sue forze equilibranti sotto forma di radiazioni o se preferite come linee di flusso e che questo flusso o radiazioni siano diretti verso il centro di massa del corpo ricevente. Il corpo destinatario di conseguenza riceve il flusso che proviene da tutte le direzioni ma poiché la direzione di questo flusso è verso il centro avviene che queste forze si presenteranno con diversa concentrazione in funzione della loro distanza e cioè la forza sarà massima proprio in prossimità del centro. Se si interpone un ostacolo nel movimento del flusso gravitazionale, si otterrà che l'ostacolo sarà coinvolto nel flusso e il flusso subirà un diminuzione della sua forza. In altre parole, l'ostacolo riceverà una spinta con direzione verso il corpo ricevente e proietterà nel contempo sul corpo ricevente un'ombra dove la Gravità risulterà attenuata. Ovviamente sia il corpo ricevente sia l'ostacolo essendo due corpi in movimento s'influenzeranno a vicenda in proporzione della loro specifica massa e della loro distanza.

Osservando le mappe gravitazionali della Terra è possibile visualizzare abbastanza facilmente le ombre di copertura gravitazionale proiettate dalle montagne sulle valli adiacenti. Dalla mappa gravitazionale si evince inoltre che contrariamente a quanto prevede la legge della Gravità ordinaria le cime delle montagne sono quelle che in molti casi hanno una Gravità maggiore. A titolo di esempio si osservi la mappa dell'Australia riportata qui sotto dove sono stati colorati in rosso i punti di maggiore Gravità e in blu quelli a Gravità minore. Si noterà facilmente che ad ogni punto rosso, in genere un'altura, corrisponde un punto (ombra) blu http://digidownload.libero.it/kems/Australia.jpg

A ulteriore supporto della nostra teoria si possono ricordare importanti e dimenticate misurazioni eseguite nelle miniere. Nel 1900, dapprima in Francia e poi come verifica in America si è appurato che due fili a piombo mostrano divergenza e non convergenza come ci si potrebbe aspettare.

L'esperimento dimostra quindi che la gravità non aumenta ma diminuisce avvicinandosi al centro della terra. In questo link altre informazioni su queste misure http://www.rolf-keppler.de/elot.htm

Un osservatore esterno al sistema Solare guardando al movimento dei pianeti potrebbe erroneamente concludere che è il Sole che attira i pianeti. Questo errore nel suo meccanismo è molto simile all'errore del sistema Geocentrico dove la terra era considerata come il centro dell'Universo. La differenza fra i due errori è che il sistema Geocentrico era perfetto e non richiedeva altro che osservare il cielo mentre per la Gravità non era sufficiente guardare, ma bisognava anche inventare una cosa nuova e cioè una forza non identificabile e assolutamente non descrivibile che giustificasse nel suo insieme la teoria.

Per approfondire ecco un link di altri ricercatori http://blazelabs.com/f-g-intro.asp

Il concetto di “campo” nel tempo si è esteso e dal seme iniziale è germogliato un albero di dimensioni tali da coprire con la sua ombra il buon senso naturale degli uomini creando classi sociali speciali dotate di gerarchie, di sacerdoti e di una religione che si chiama appunto “Il campo maledetto”. Se questi presuntuosi invece di guardare all'infinito si fossero limitati a guardare ciò che li circonda, probabilmente oggi il mondo sarebbe diverso e migliore. Ad esempio si pensi alla Luna e alle Maree. La Luna semplicemente si interpone alle forze dell'Universo che sono dirette verso la Terra. Sulla Terra nell'area coperta dall'ombra della Luna le forza centrifuga terrestre si manifesta con maggior evidenza e quindi la parte di materia fluida si alza e non si alza solo dove c'è l'effetto della Luna, ma si alza appunto per la forza centrifuga in tutta la circonferenza terrestre che è coperta nell'ombra.

Tutto sulle maree http://www.racine.ra.it/planet/testi/maree.htm

Quando si parla di onda elettromagnetica in genere si afferma che la componente magnetica è ortogonale alla componente elettrica. Se pensate che questa affermazione sia corretta vi invitiamo a leggere il capito Atomo della sezione “Gradienti” e a valutare se ciò che si misura come “ortogonale” sia reale o sia piuttosto una distorsione temporale che falsa la misura oppure se siete dei matematici cercate di capire che cosa è realmente il [link=http://it.wikipedia.org/wiki/Vettore_di_Poynting]vettore di Poynting[/link].

I danni provocati dal concetto attuale di “campo” non solo sulla tecnologia ma anche sulla vita sociale degli uomini sono incalcolabili. Nella tecnologia il “Campo” ha di fatto bloccato lo sviluppo di macchine razionali mentre nella vita sociale ha fatto perdere la voglia di studiare alle menti migliori le quali ovviamente non potendo comprendere e accettare le assurdità si sono ritirati nelle oscure caverne della quotidianità.

Ad esempio si afferma:
“Un corpo in movimento nell'Universo con velocità costante procede la sua marcia per l'eternità perchè la sua energia cinetica non è dissipata ma è conservata”.
Certo, però si dovrebbe anche specificare in quale “tasca” è conservata questa energia :-)

In realtà un corpo mantiene il suo movimento perchè l'Universo lo spinge continuamente. Quando un corpo si muove da un punto ad un'altro punto esso lascia nel punto precedente un vuoto che l'Universo per sua natura riempie e questa azione provoca sul corpo una spinta nella stessa direzione del moto.

Fonte: http://digilander.libero.it/kems/

About the Author
Richard