Contrastare la macchina del marketing dell'industria farmaceutica

Il Giornale Online

di Peter Aldhous

I pazienti, non le industrie del farmaco, dovrebbero fornire risposte sui medicinali per avere un quadro reale della loro efficacia

“Pharmageddon!” si riferisce ad un cambiamento nella sanità, un pò come i cambiamenti climatici. Quando saltiamo in auto per andare al lavoro, ci sembra una cosa buona, ma non la colleghiamo al fatto che spingiamo sul baratro il clima. Allo stesso modo, il clima dell'assistenza sanitaria viene spinto sul baratro dai dottori che danno ai pazienti farmaci costosi e rischiosi e non riescono a notare quando le cose vanno male. La medicina che abbiamo ora cesserà d'esistere. Diverrà Healthcare Inc.

Perchè è accaduto?

I brevetti mondiali sui prodotti danno alle compagnie dei guadagni talmente straordinari, che le spingono ad incentivare enormemente la campagna pubblicitaria sui benefici di quei farmaci e a nasconderne i possibili rischi. Quindi abbiamo reso i farmaci soggetti alla prescrizione e così i veri consumatori di un medicinale non siamo io e te. Il consumatore, dal punto di vista dell'industria, è il dottore che prescrive la medicina. Le compagnie offrono regali ai dottori, viaggi nei Caraibi e riunioni e così via. La maggior parte dei dottori però, probabilmente influenzata da queste cose, resta ancor più influenzata dall'evidenza.

Quindi la medicina basata sull'evidenza non ha aiutato?

Io sono un sostenitore degli studi clinici controllati, ma abbiamo sovrastimato la loro utilità. Gli studi clinici sono eseguiti principalmente dall'industria. Solo la metà delle sperimentazioni viene pubblicata e quelle che lo sono, gli scrittori fantasma dell'industria lucidano il test negativo in modo che splenda come uno positivo.

Questi problemi possono essere corretti?

Se avessimo potuto eseguire i test in un numero di 100 volte superiore a quanto abbiamo fatto, se i test fossero indipendenti e avessimo accesso a tutti i dati, allora saremmo molto più avanti. Dobbiamo però chiederci quanto sia realistico. I test clinici controllati sono estremamente utili, ma non dovrebbero essere l'unico club che porti al corso di golf. Dobbiamo ripristinare l'abilità delle persone di guidicare in base all'evidenza davanti ai loro occhi.

Come sarà d'aiuto il tuo nuovo sito RxISK.org?

L'idea è di incoraggiare le persone a produrre le migliori descrizioni possibili della loro esperienza terapeutica e di portarla ai loro dottori, cercando di spingerle nel processo. Se mettiamo assieme un gruppo con lo stesso problema, riusciremo ad analizzare le cose. Daremo la risposta dei pazienti in tempo reale, dicendo: “Abbiamo 200 persone che hanno avuto lo stesso problema”. Questo incoraggerà molti pazienti e dottori a parlare.

Alcuni genitori sinceramente, ma erroneamente, credono che i vaccini abbiano causato l'autismo nei bambini. Non trovereste problemi simili con depistaggi?

Sì, chiaramente i dati saranno sporchi. Si cerca di ottenere un lavoro di gruppo, al contrario di gente che fa osservazione e si trova davanti un'industria in controllo di una mole di evidenze che sembrano dire che non ci sia un legame. Più persone possiamo contattare e più è facile ottenere un buon lavoro.

Profilo:
David Healy è direttore della North Wales School of Psychological Medicine, Bangor, UK. Un critico da lungo tempo dell'industria farmaceutica, il suo ultimo libro è Pharmageddon (University of California Press) http://www.ucpress.edu/book.php?isbn=9780520270985

Tradotto da Richard per Altrogiornale.org
Fonte: http://www.newscientist.com/article/mg21428626.400-countering-the-drug-industrys-marketing-machine.html

Altrogiornale.org agrees to indemnify RBI and New Scientist against any claim arising from incorrect or misleading translation

About the Author
Richard